La combustione della biomassa ha un impatto generale sulla chimica atmosferica e sul clima. Quando c’è un incendio nelle savane, nelle foreste tropicali, o come il recente incendio in California, vengono rilasciate grandi quantità di particolato e gas in tracce.

Il carburante da biomassa è anche noto come biocarburante. Per biocombustibile si intende un combustibile liquido, solido o gassoso costituito da biomassa. I combustibili da biomassa possono essere utilizzati per la produzione di energia e anche per il riscaldamento.

I combustibili da biomassa possono aiutare notevolmente a ridurre le varie emissioni di gas serra e allo stesso tempo possono aumentare la sicurezza energetica essendo un’alternativa ai combustibili fossili. Oggi troverai l’espansione delle industrie dei biocarburanti in Asia, Europa e America.

I biocarburanti sono più comunemente usati nel trasporto automobilistico come il carburante E10. Possono essere facilmente prodotti da qualsiasi fonte contenente carbonio come piante. La biomassa è principalmente derivata da organismi viventi, che includono animali, piante e loro sottoprodotti. Il letame, i residui delle colture e i rifiuti del giardino sono alcune delle diverse fonti di biomassa. Questa è una fonte di energia rinnovabile associata al ciclo del carbonio rispetto a varie risorse naturali come carbone, petrolio ed energia nucleare.

Alcuni dei prodotti agricoli più popolari che vengono coltivati ​​allo scopo di creare biocarburanti negli Stati Uniti sono la soia e il mais mentre l’Europa utilizza grano, colza e barbabietola da zucchero; la canna da zucchero viene coltivata in Brasile, la Jatropha in India e l’olio di palma nel sud-est asiatico.

Nella prima parte del 2007, Diversified Energy Corporation, con l’aiuto della North Carolina State University (NCSU), si è preparata per una svolta nella tecnologia dei biocarburanti, che è stata chiamata Centia. Centia è stata posizionata per la produzione di carburante per aerei militari e commerciali e può persino fungere da additivo per il biodiesel in climi freddi o gelidi. Il processo di sviluppo di Centia sembra promettente e dovrebbe fornire un livello di efficienza energetica elevato che può superare l’85%.

Vi è un’ampia varietà di esperimenti scientifici condotti, a livello globale, per produrre un biocombustibile praticabile che sarà efficiente e rispettoso dell’ambiente. Gli scienziati hanno iniziato a guardare oltre i biocarburanti e hanno iniziato a lavorare sui vari sottoprodotti dei biocarburanti che possono essere utilizzati e persino consumati come cibo nella nostra vita quotidiana.

Considerati come parte integrante della rivoluzione verde, i biocarburanti offrono non pochi vantaggi rispetto ad altri combustibili fossili come carbone e petrolio. I biocarburanti hanno la capacità di riciclare l’anidride carbonica in ogni stagione di crescita, prelevandola dall’aria per convertirla in biomassa. Quindi, a differenza del carbone, che durante la combustione rilascia carbonio, la biomassa in qualche modo intrappola tutto il carbonio presente nell’aria. Questo è un aspetto importante dal punto di vista del riscaldamento globale perché non rilascia componenti di carbonio nell’aria. Il più grande vantaggio rispetto al carburante convenzionale è che i biocarburanti sono rinnovabili e quindi non esauriranno le limitate risorse naturali del nostro pianeta.

Combustibili da biomassa comuni

Ecco un elenco di alcuni dei combustibili da biomassa di prima generazione più comuni:

Olio vegetale

L’olio vegetale viene utilizzato per la cottura degli alimenti e anche come combustibile. L’olio vegetale non è olio di alta qualità per uso di carburante, ma è ancora utilizzato nei vecchi motori diesel, che sono dotati di un sistema di iniezione indiretta.

Nella maggior parte dei casi, l’olio vegetale viene utilizzato per la produzione di biodiesel compatibile con la maggior parte dei motori diesel. Normalmente è miscelato con carburante diesel convenzionale per un’efficienza ottimale.

Biodiesel

Il biodiesel è uno dei biocarburanti più diffusi in Europa. È prodotto principalmente da grassi o oli mediante il processo di transesterificazione. È un liquido che ha una composizione simile a quella del diesel minerale. Il nome chimico del biodiesel è estere metilico degli acidi grassi (FAME).

L’olio viene miscelato con metanolo o etanolo e idrossido di sodio, che avvia una reazione chimica per produrre glicerolo e biodiesel (FAME). Il processo produce 1 parte di glicerolo per 10 parti di biodiesel.

Il biodiesel è ampiamente utilizzato nei motori diesel dopo essere stato miscelato con diesel minerale. Alcuni paesi come la Germania hanno produttori Volkswagen, che forniscono una copertura sui loro motori diesel come parte della loro garanzia per l’uso al 100% di biodiesel.

La maggior parte dei produttori di veicoli si limita ancora all’uso del 15% di biodiesel miscelato con diesel minerale. In alcuni paesi europei, la miscela di biodiesel al 5% è ampiamente utilizzata e persino disponibile presso le stazioni di servizio

Bioetanolo

L’etanolo è uno dei biocarburanti più diffusi al mondo. È noto anche come combustibile alcolico ed è prodotto dalla fermentazione degli zuccheri, derivati ​​dal mais, dal grano, dalla canna da zucchero e dalla barbabietola da zucchero. I vari metodi di produzione dell’etanolo sono la fermentazione degli zuccheri, la digestione enzimatica, la distillazione e l’essiccazione.

L’uso dell’etanolo è stato ampiamente visto nei motori a benzina dove sostituisce la benzina. Quasi tutti i motori a benzina del mondo possono funzionare con miscele al 15% di bioetanolo e benzina.

Con un occhio alle risorse naturali in diminuzione, è tempo per noi di inaugurare l’era dei biocarburanti!

, , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.